Taxpayer Italia edizione 2016: Umbria Vincente per Qualità della vita e Rapporto tasse-servizi

Il Centro Studi Sintesi ha presentato l’edizione 2016 dello studio “Taxpayer Italia”, condotto in collaborazione con Il Sole 24 Ore. Oggetto dello studio la qualità dei servizi pubblici offerti dalle singole regioni del nostro paese ai propri abitanti e quindi, conseguenzialmente ai loro turisti. Si sono volute individuare tutte quelle zone/aree dove la correlazione tra tasse pagate e servizi offerti quanto a sanità, ambiente, istruzione, sicurezza, infrastrutture e benessere economico fosse il migliore, ( nel totale sono stati utilizzati 25 indicatori ), e quindi quali territori siano in grado di trasformare l’imposizione fiscale in una spesa pubblica generante servizi di qualità per i cittadini italiani.
Bene.
L’ indagine condotta ha visto posizionarsi sul podio Umbria, Marche e Friuli Venezia Giulia, rispettivamente al primo, secondo eTaxpayer Italia edizione 2016: Umbria Vincente per Qualità della vita e Rapporto tasse-servizi terzo posto. Quindi, la regione italiana dove si vive meglio, e che, più delle altre riesce a coniugare nel migliore dei modi  il rapporto tra tasse e servizi in Italia è l’Umbria. Il cuore verde d’ Italia, pur possedendo un livello di tassazione fiscale più basso di 8 regioni su 20,  riesce comunque a garantire servizi migliori, e questo sia nelle città che nei piccoli paesi.
Taxpayer Italia edizione 2016: Umbria Vincente per Qualità della vita e Rapporto tasse-servizi

Il governatore della regione Umbria, Catiuscia Marini, ha commentato molto positivamente i risultati dell’ indagine, sostenendo in particolare come gli stessi dimostrino che:

l’efficienza non dipende dalle dimensioni di una regione per ciò che riguarda il rapporto tra qualità fiscali e qualità dei servizi…. il fatto che la classifica si basi su indicatori importanti per la vita dei cittadini come scuola, salute, sicurezza, ambiente, ci conferma la bontà dell’impostazione politica

Taxpayer Italia edizione 2016: Umbria Vincente per Qualità della vita e Rapporto tasse-servizi Ricordiamo come tale impostazione politica abbia sempre respinto la concezione che per assicurare welfare elevato e qualità dei servizi sia indispensabile un’ alta l’ imposizione fiscale!

Quanto alle altre regioni, va detto che nel Settentrione, un’ alta qualità dei servizi non è in grado di giustificare il livello della tassazione: All’ opposto nel Meridione, emerge un basso livello della tassazione, a fronte però di una qualità dei servizi non di certo esaltante!